Everywhere is Gaia

Mexico: DAY 5 + DAY 6

in Viaggi

Oggi sarò breve, promesso. Non ci sono parole per descrivere il sito maya di Chichen Itzà, se fa parte delle 7 meraviglie del mondo moderno un motivo ci sarà. Appena arrivi, dopo 3 ore di pulmann da Playa del Carmen e una guida che non ha smesso di parlare un secondo, ecco che ti ritrovi di fronte alla piramide maya più grandiosa e affascinante di tutte, la piramide di Kukulkan, una meraviglia circondata dal verde e splendente sotto il cielo azzurro, bella al punto da farti dimenticare la sveglia all’alba,…continua a leggere

Mexico: DAY 3+DAY4

in Viaggi

Oggi c’è il 2X1 perché ieri ho mancato la promessa e non ho aggiornato il diario di bordo. Sorry for that. Purtroppo ieri sera siamo rientrate molto tardi e, soprattutto, “like a gamberone” come direbbe Sconsolata. Mettiamo la protezione 15 perché “ma vaaa, non ci ustioniamo mica”, e poi arriviamo a sera che urliamo anche solo a sfilarci lo zaino di spalla. Che tonte. Beh insomma, il nostro Day 3 l’abbiamo passato a Isla Mujeres, l’isola delle donne, che si trova a una mezz’oretta di traghetto da Cancun. Avevamo programmato…continua a leggere

Mexico: DAY 2

in Viaggi

Il nostro Day 2 in Messico si apre con il cielo azzurro, un sole splendente e i soliti 30 gradi. Ancora una volta il meteo che metteva pioggia tutto il giorno si è sbagliato grazie al cielo, e iniziamo a credere che ci sia Giugliacci dietro. Meglio così. Dopo la colazione andiamo a prendere il collettivo, ovvero l’autobus locale che sembra ti possa portare dappertutto praticamente gratis. Dopo la fregata di ieri infatti decidiamo di arrangiarci da sole e andare così un po’ all’arrembaggio. Saliamo sul collectivo dove chiaramente nessuno…continua a leggere

Mexico: DAY 1

in Viaggi

Come previsto, già al primo giorno sono in ritardo con il diario di bordo. Sempre in ritardo oh, non ce la farò mai ad essere puntuale nella mia vita. Ma insomma, il nostro viaggio in Messico inizia subito con una bella chioda. Ieri sera stanche e poco informate abbiamo comprato un tour per oggi, e stamattina quando ci siamo presentate al check in niente era come ci è stato descritto. Ci siamo arrabbiate ma qui tanto nessuno ti capisce, e io ad infamarli in spagnolo proprio non me la cavos….continua a leggere

Goodbye New York, Hello Mexico

in Viaggi

Ho acceso il computer con l’intenzione di scrivere un bel post sull’addio a New York, ma dopo 5 minuti di afa messicana e di occhio già quasi mezzo chiuso ho deciso di dirottare i saluti e rimandare i resoconti newyorkesi a quando sarò più lucida. In fondo sono in Messico ora, e ho deciso che per questa ultima settimana di vacanza userò il blog per scrivere ogni giorno il diario di bordo, per raccontare la nostra avventura e condividere live il nostro viaggio. Se mi volete seguire bene, altrimenti tornate pure…continua a leggere

Le 7 cose che ti ricordano di essere in America

in Viaggi

Inizio col dire che in queste ultime due settimane mi sono quasi sentita più a casa che a New York. Sarà che ho avuto le mie amiche e mia sorella, sarà per le scorte di cibo che mi hanno portato (tra cui il kg di marroni direttamente da mia nonna per fare i bruciati e il mezzo metro di salsiccia secca), ma insomma, qui sembrava davvero di essere in Italia. Poi però quando la mattina esci e riparte la giornata, immancabilmente l’America ti ricorda da quale parte dell’oceano sei, e…continua a leggere

3

TI HO TROVATO DAN HUMPHREY

in Viaggi

Aggiornamento lampo delle 3 del mattino, con un sonno che la metà basta. HO TROVATO DAN HUMPHREY. L’ho trovato sulla 14esima, noi scendevamo dalla metro e lui stava scendendo le scale per prendere un’altra linea. Lo intravedo tra la folla e dico “non ci credo, c’è Dan Humphrey”. Apriti cielo. Iniziamo a chiamarlo “Dan please stop!” e a chiedergli una foto, dimenticandoci che questo povero cristo un nome vero dovrà pur averlo. Vabbè, per noi rimane solo Dan. Lui, vestito da sfattone e con barba incolta, ci dice °No please,…continua a leggere

Svegliati everywhere!

in Viaggi

Devo ammettere che queste ultime settimane sono state impegnative, frenetiche e talmente piene che alla fine mi sono scordata del mio povero blog e ho smesso di scrivere. Poi i miei amici, per cui ormai io non sono più Gaia bensì Everywhere (..stronzi), mi hanno svegliato dal torpore ricordandomi del mio blog da milioni di dollari, e allora ho riaperto il computer e mi sono messa a scrivere. Il problema è che questa volta avrei un sacco di cose da raccontare, tante belle foto da condividere, il weekend a Chicago,…continua a leggere