Dove è andato Dan Humphrey?

in Viaggi

 

image
Lo so, iniziando così il mio secondo post mi sto giocando come minimo il 50% dei miei followersss che dopo aver letto il titolo chiuderanno la pagina e torneranno a googlare “dimagrire mangiando” o “come si vince alla lotteria”. Ma voglio correre il rischio, sperando che qualcuno si incuriosisca e vada avanti.
Sicuramente qualcuno si chiederà chi è Dan Humphrey, e a impulso mi verrebbe da rispondere “ma come si fa a non sapere chi è Dan Humphrey”, ma poi mi ricordo che devo essere gentile e quindi ve lo spiego: il caro bel Den Humphrey è uno dei protagonisti di Gossip Girl, serie tv sui rampolli di Manhattan che spero ognuno di voi abbia visto almeno una volta nella vita e che ha fatto perdere la testa a tutte le bimbeminchia come me sulla faccia della terra.
Tra tutti i personaggi strafighi, ricchi sfondati, con attici enormi nell’upper east side, Dan è il più sfigato purino, e abita in un loft a Brooklyn lontano da tutti.
Bene, il caso vuole che anch’io in questo momento stia vivendo a Brooklyn, proprio in un loft, e quindi cos’avrò fatto appena arrivata? Mi sono messa a cercare Dan chiaramente, il suo loft e il suo palazzo, vagando come una disperata per Brooklyn convinta che quel palazzo sia davvero da qualche parte e non solo un’impalcatura montata ad Hollywood.
Perché diciamo la verità, quando siamo in queste grandi città ci piace andare a ricercare i posti che abbiamo visto nei film e poi farci il selfone con tanto di hashtag #casadiCarryBradshow #bardeiCesaroni #binariodiHarryPotter per postarlo su FB, e io la foto con #loftdiDanHumphrey me la sognavo da anni.
Insomma cerca cerca, io Dan non l’ho ancora trovato, ma in compenso ho scoperto una Brooklyn che non mi aspettavo, ed è qui in realtà che volevo arrivare con questo post. I miei amici mi hanno aperto questo blog per uno scopo preciso: condividere i miei viaggi e le cose che vedo, scopro e assaporo, e devo mettermi in testa di farlo, altrimenti se mi faccio prendere dallo scrivere dei papiri di stupidaggini non mi ferma più nessuno.
E allora questo viaggio voglio farlo partire proprio da dove è iniziato per me, a Brooklyn, anche se fin’ora ne ho avuto solo un assaggio. Per chi non lo sapesse, New York City è formata da 5 grandi, enormi distretti: Mahnattan, Brooklyn, il Bronx, Queens e Staten Island. Tranquilli, non farò la Piero Angela della situazione e vi risparmio altri dettagli, ma quello che voglio dire è che spesso quando si pensa a NY si pensa solo a Manhattan, dimenticando che anche intorno ci sono posti che valgono davvero la pena. Io stessa nei miei viaggi precedenti a New York non ci avevo quasi mai messo piede, forse perché i grattacieli, le luci e la frenesia di Manhattan ti rapiscono ed inebriano al punto da non volerle mollare un secondo.
E invece cavolo, Brooklyn è tanta roba. Super hypster, alternativa al massimo, con mille comunità diverse e mille modi di vivere diversi. Con localini e ristoranti che vorresti provare ad uno ad uno, e con negozi di libri da perderci ore. Niente grattacieli da questa parte, solo musica di strada, silenzio e angoli di pace. E così, quando arrivi sulla famosa camminata delle Brooklyn Heights e ti trovi davanti lo skyline di Manhattan bello da mozzare il fiato, ti guardi intorno e ti rendi conto di come, da una sponda all’altra del fiume, la vita cambi completamente. Di là la crazy life e di qua una panchina con due vecchietti e una bambina.
Ultimamente mi piace fermarmi a pensare, rilassarmi e prendermi momenti per me isolandomi per un po’ dal mondo, e farlo a New York dove il tempo non esiste, tutto succede velocemente e tutti sono dentro ad un’eterna corsa, pensavo sarebbe stato impossibile. Invece qui, al tramonto di un normale martedì, tutto sembra rilassarsi e fermarsi. E allora sai cosa faccio, voglio godermelo anch’io questo angolo di pace. Mi fermo anch’io, mi siedo su una panchina, apro il mio libro e mi godo il tramonto di Brooklyn.

Perché alla fine, mio caro Dan, ti avranno pur sempre dato dello sfigato, ma in realtà abiti proprio in un gran bel posto. E anche se per oggi mi sei scappato, giuro, prima o poi ti troverò.

#everywhereisgaia

Brooklyn Brooklyn Heights Waterfront Promenade Brooklyn bridge Bookstore in Dumbo Dumbo image Loft in Brooklyn